Il rientro in servizio di Costa Smeralda, la grande ammiraglia di Costa Crociere recentemente tornata a far rotta da Savona verso le più affascinanti località del Mediterraneo, rappresenta un importante segnale di ripresa per il settore crocieristico.

In tempi di pandemia, ripartire in modo sicuro e responsabile significa coniugare un’esperienza di vacanza unica e indimenticabile con l’adozione di un rigido protocollo sanitario. Inoltre, è necessario utilizzare tutti gli strumenti tecnologici in grado di garantire un elevato livello di sicurezza sia a bordo nave sia all’interno dei terminal portuali nei quali avvengono le operazioni di imbarco e sbarco.

In questo periodo particolarmente complesso, le tecnologie Aitek per la videosorveglianza e il Digital Signage, già operative all’interno del Palacrociere di Savona, home port di Costa Crociere, si stanno rivelando un supporto tecnologico di fondamentale importanza, sia nel rilevare eventuali situazioni di criticità all’interno del terminal sia per fornire alla clientela informazioni di servizio sempre aggiornate.

Comunicare con la clientela grazie al Digital Signage

Le grandi opportunità offerte dal Digital Signage, la forma di comunicazione basata sulla diffusione di contenuti multimediali su monitor installati in spazi pubblici, possono essere sfruttate non soltanto per trasmettere pubblicità o interagire con la clientela attraverso una comunicazione coinvolgente, ma anche per diffondere contenuti informativi sulle norme comportamentali in materia di contrasto al Covid-19.

Non a caso, il circuito di Digital Signage che Aitek ha realizzato all’interno del Palacrociere Costa di Savona si è rivelato uno strumento efficace per comunicare e interagire con la clientela.  La soluzione rappresenta il revamping di un precedente sistema ed è stata progettata per consentire a Costa Crociere di rinnovare il proprio circuito di Digital Signage mantenendo l’infrastruttura precedentemente installata e limitando gli investimenti, ottenendo al contempo ottimi risultati in termini di qualità ed efficienza del network.

La gestione dei contenuti e la programmazione del loro invio ai 50 monitor installati all’interno del terminal è possibile grazie a TVIP-Director, l’applicazione di regia sviluppata da Aitek per la gestione di reti di Digital Signage.

TVIP-Director, installato su server HPE ProLiant DL380 per offrire la massima potenza, permette agli amministratori del sistema di gestire in maniera totalmente indipendente l’intero network (player e monitor), di modificare le configurazioni dei player e aggiungerne di nuovi in caso di estensioni della rete.

L’interfaccia di TVIP-Director è un vero e proprio content manager dotato di tutti gli strumenti di editing e di programmazione necessari per creare un circuito di Digital Signage evoluto: dall’ingestion dei contenuti multimediali (video, immagini, slide, contenuti web, contenuti testuali, RSS) alla creazione di layout, playlist e canali personalizzati. Uno strumento affidabile e facile da usare che consente di diffondere in modo sicuro informazioni aggiornate e contenuti programmati in base al luogo e all’orario di diffusione.

La flessibilità è uno dei punti di forza di TVIP: ciascun monitor può trasmettere contenuti differenti in base alla posizione all’interno del terminal e al verificarsi di determinate situazioni. Alcuni esempi? E’ possibile trasmettere messaggi in caso di code al controllo bagagli o per informare dell’apertura di un nuovo sportello al check-in o per deviare i percorsi da seguire all’interno del terminal durante le operazioni di imbarco/sbarco.

Analogamente, con TVIP-Director è possibile creare dei palinsesti predefiniti specifici a seconda degli scenari che si verificano nel terminal: le informazioni trasmesse possono essere infatti differenti in presenza di una o due navi, facilitando l’orientamento all’interno della struttura e il rispetto delle normative in materia di contrasto al Covid-19.

palacrociere2

Video security evoluta e intelligente

La videosorveglianza rappresenta uno strumento imprescindibile per un terminal crocieristico. Il costante monitoraggio delle aree perimetrali, degli accessi, delle aree dedicate al check-in e di tutti i punti nevralgici permette agli operatori di rilevare qualsiasi situazione non conforme con le procedure operative in materia di contrasto alla diffusione del Covid-19, come eventuali assembramenti, accessi non autorizzati in aree interdette, comportamenti a rischio e molto altro.

Per questo, Costa Crociere ha scelto la piattaforma di video security AiVu di Aitek per il monitoraggio dei 46mila metri quadri del Palacrociere di Savona. Una soluzione che unisce l’esperienza Aitek nella progettazione e sviluppo di applicazioni di video security complesse con l’altissima qualità e affidabilità dei componenti hardware utilizzati.                  

Per offrire le massime prestazioni in termini di qualità e affidabilità, l’intera piattaforma di videosorveglianza realizzata per il Palacrociere è infatti basata su hardware certificato della gamma Hewlett Packard Enterprise. Dagli switch per il collegamento con le telecamere ai server HPE ProLiant DL380 sui quali sono ospitati il software di video management AiVu-VMS e i software per la videoregistrazione digitale AiVu-NVR, il risultato è una soluzione allo stato dell’arte tecnologico ideale per applicazioni mission-critical.

L’intera gestione del sistema, composto da circa 50 telecamere di ultima generazione posizionate nei punti nevralgici del Palacrociere, è affidata al software di Video Management AiVu-VMS, capace di garantire la piena conformità ai dettami normativi, ma anche capace di dare risposte efficaci a qualsiasi esigenza di sicurezza.

L’interfaccia di AiVu-VMS offre agli operatori una serie di funzionalità come la visualizzazione delle immagini in HD,  la possibilità di effettuare operazioni di pan-tilt-zoom per individuare con la massima precisione qualsiasi dettaglio, la configurazione di ronde di telecamere per la visualizzazione ciclica di inquadrature predefinite, la visualizzazione contemporanea di immagini da più telecamere e la consultazione dell’archivio delle registrazioni per ricostruire criticità o situazioni particolari e scaricare i filmati.

Inoltre, l’utilizzo di mappe e piantine delle aree sorvegliate sulla quale sono evidenziate le telecamere posizionate all’interno del terminal permette di avere un quadro di insieme della situazione, facilitando ulteriormente le attività di monitoraggio.

Oltre alle funzioni di consultazione video, un sistema di diagnostica interno permette di rilevare in tempo reale guasti e anomalie di funzionamento degli apparati di video sorveglianza, agevolando la pianificazione degli interventi di manutenzione.

AiVu-VMS offre la massima affidabilità in termini di cyber security: le telecamere sono protette all’interno di una rete dedicata che impedisce qualsiasi connessione verso l’esterno, mentre il sistema operativo embedded utilizza tecniche di cifratura dei contenuti del disco su cui risiede il software che garantiscono l’incorruttibilità dei dati, impedendone la lettura dall’esterno, la manomissione o la cancellazione. Tutte le registrazioni sono cifrate per garantire la massima sicurezza e possono essere consultate soltanto dagli utenti che ne hanno diritto.

L’intelligenza artificiale entra in gioco

Una significativa evoluzione del sistema di video security riguarda l’integrazione con un innovativo modulo di video analisi per il rilevamento dell’interdistanza personale. Infatti, tra la vasta gamma di funzionalità di video analisi che Aitek ha nel proprio catalogo, uno specifico algoritmo è in grado rilevare la distanza fra le persone all’interno di un’area monitorata utilizzando i metadati provenienti da telecamere della gamma Bosch installate presso il Palacrociere. 

Attraverso l’analisi delle immagini live effettuata a bordo delle telecamere Bosch, l’algoritmo è in grado di calcolare la distanza fra le persone, generando un allarme quando due o più persone si trovano troppo vicine tra loro per un tempo eccessivo. Le telecamere Bosch consentono infatti di effettuare il tracciamento delle persone all’interno della scena inquadrata ed inviare la loro posizione assoluta come metadato.

L’utilizzo di soglie configurabili permette di eliminare falsi allarmi o eventi di breve durata, ad esempio generati da persone che non rispettano il distanziamento per pochi istanti perché semplicemente incrociano il loro cammino.

Grazie alla grande espandibilità della soluzione di video security che Aitek ha realizzato per il Palacrociere Costa, il modulo per il rilevamento del distanziamento sociale, già configurato e pienamente operativo,  rappresenta una opportunità per aggiornare qualsiasi impianto di video sorveglianza con una funzionalità divenuta indispensabile che coniuga la massima affidabilità dei risultati con il pieno rispetto della privacy, dato che la soluzione non effettua alcun riconoscimento personale.

Uno strumento che non nasce oggi, sull’onda della situazione contingente, ma che è il risultato dell’esperienza Aitek nello sviluppo di soluzioni video per la sicurezza di infrastrutture critiche.

Accoglienza in sicurezza con le tecnologie Aitek

Videosorveglianza, digital signage, video analisi per il distanziamento sociale: Costa Crociere ha attrezzato il proprio Palacrociere di Savona con le migliori tecnologie Aitek per la sicurezza e la comunicazione con la clientela. Un impegno considerevole che affianca il Costa Safety Protocol, il protocollo che contiene nuove procedure operative adeguate alle esigenze in materia di contrasto al Covid-19, relative ad ogni aspetto dell’esperienza in crociera, sia a bordo sia a terra. Un segnale per ripartire in totale sicurezza e tornare ad offrire ai propri ospiti esperienze di viaggio meravigliose, in linea con l’eccellenza dello stile Costa Crociere.